Strana solitudine

Le canzoni di Valter arrangiate ed eseguite da Giulio Carmassi con la direzione artistica di Marco Morandi

STRANA SOLITUDINE

Voce: Valter

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

 

Che strana solitudine

è stare insieme a te

vivere assieme  in mondi separati

parlar di tutto tranne che

di quello che interessa a me

sapere che è impossibile

un dialogo con te

 

 

con fare imperturbabile

tu non t’accorgi che

siamo a distanza ormai insormontabile

spazio e tempo non c’entrano

neppure buona volontà

è  solo una questione

di sensibilità

 

 

vorrei  poter andarmene

da questa schiavitù

ma al mondo delle favole

io non ci credo più

le scelte e le opportunità

la vita me le ha date già

i giochi sono fatti

i dadi sono tratti e ormai

rien ne va plus

rien ne va plus

rien ne va

 

 

mia dolce solitudine

io resterò con te

poter viver la vita un’altra volta

su strade sconosciute e nuove

so che me ne andrei

ma certamente ancora

lo so che  sbaglierei

 

 

che strana solitudine

stare tra gente che

ti vive accanto e non si fa conoscere

scambiar sorrisi inutili

parole vuote che

non cercan di comprendere

non chiedono perché

 

 

la vita che ti macina

l’amore che non c’è

e il tempo che si nutre di illusioni

salviamo il salvabile

di quel che forse ancora c’è

anche se in fondo poi

si sa che vita è

 

 

vorrei  poter andarmene

da questa schiavitù

ma al mondo delle favole

io non ci credo più

le scelte e le opportunità

la vita me le ha date già

i giochi sono fatti

i dadi sono tratti e ormai

rien ne va plus

rien ne va plus

rien ne va

 

 

mia dolce solitudine

io resterò con te

poter viver la vita un’altra volta

su strade sconosciute e nuove

so che me ne andrei

anche se certamente

lo so che  sbaglierei

 

windows antivirus software